Apple si dedica all’editoria

0
1072

Alcuni lo hanno già definito il Netflix dell’informazione, stiamo parlando del progetto che Apple sta mettendo in opera dopo l’acquisto di Texture, sempre secondo l’informatissimo Bloomberg.
La casa di Cupertino avrebbe in canna una nuova versione di Apple News, che offrirà news e lettura di riviste a pagamento entro il prossimo anno.

Come sempre nelle notizie di Apple sicurezze e voci si rincorrono senza soluzione di continuità ma pare proprio che per la realizzazione di questo progetto un team di Apple stia lavorando con parte di quello di Texture (sebbene 20 dipendenti di qeust’ultimo siano stati licenziati dopo l’acquisizione).
Le 200 riviste di Texture (tra cui People, Time, National Geographic, Esquire, GQ, The Atlantic e Rolling Stone) incrementeranno la biblioteca di Apple News, fino ad oggi gratuita, i suoi ricavi consistono nel 15% dalle sottoscrizioni vendute tramite app.

Non sono ancora ben chiare tutte le caratteristiche del progetto (costo dell’abbonamento, possibilità di accedere alle versioni a pagamento dei giornali, possibilità di modelli di pagamento differenziati) ma pare che parte dei ricavi sia destinata agli editori partner. Tanto è vero che alcuni editori hanno anche testato il News Format, cioè il formato di pubblicazione approntato dalla casa madre per creare contenuti particolarmente interattivi.