Smart-working: è davvero così ecologico?

0
43

Dall’inizio della crisi sanitaria, svariate milioni di persone sono state obbligate a fare smart-working. Se le conseguenze sul morale possono essere dannose, non c’è dubbio sul beneficio per l’ambiente. Tuttavia viene da chiedersi se lo smart-working sia davvero così ecologico come si pensa?

In un recente studio, l’ADEME (l’agenzia francese per la transizione ecologica) ha evidenziato l’impatto positivo dello smart-working sull’ambiente. Se la riduzione dei viaggi tra il luogo di lavoro e la casa riduce notevolmente l’impronta ecologica delle nostre attività, l’Agenzia per la Transizione Ecologica chiede di essere vigili sull’effetto rebound facendo attenzione alla guida sull’energia.

✔️ Quali sono gli effetti positivi dello smart-working sull’ambiente?
Meno pendolari
Da un punto di vista ambientale, l’effetto principale dello smart-working è la riduzione o addirittura l’eliminazione dei viaggi su strada tra casa e lavoro. Infatti, secondo lo studio ADEME, entro il 2020 ci saranno

Una riduzione del 65% dei viaggi tra casa e lavoro;
Una riduzione del 35% delle distanze percorse.
Così, ADEME stima che il beneficio ambientale della riduzione del numero di viaggi tra casa e lavoro è di 271 chilogrammi di carbonio equivalente (kg eqCO2) all’anno. L’agenzia specifica anche che una generalizzazione dello smart-working potrebbe evitare più di 3 milioni di viaggi a settimana, così come una riduzione annuale di 3300 tonnellate di CO2.

“Lo smartworking offre quindi un notevole potenziale di riduzione della mobilità con effetti favorevoli sulla congestione e le emissioni di gas serra e inquinanti” spiega ADEME nel suo studio.

C’è anche una riduzione del traffico stradale e degli ingorghi nelle ore di punta.

In futuro, lo smart-working dovrebbe riguardare il 35% della popolazione attiva contro il 17% prima della crisi sanitaria.
Risparmi energetici per le aziende
Con la diminuzione del numero di dipendenti faccia a faccia, molte aziende hanno visto una riduzione dei costi energetici, soprattutto durante i mesi invernali. Diversi fattori sono responsabili di questa diminuzione:

L’uso del riscaldamento sta diminuendo;
I computer e le altre attrezzature sono usati meno spesso;
La quantità di spazio dell’ufficio che deve essere illuminato è minore, ecc.
Le aziende hanno anche visto la diffusione del “flex office”. Questa pratica consiste nel non assegnare una postazione di lavoro fissa ai dipendenti dell’azienda e permette così di non disperdere troppo i dipendenti.

Così, se combiniamo il “flex office” e lo smart-working, otteniamo una riduzione significativa dell’impronta di carbonio dell’azienda. Questo corrisponde a una riduzione delle emissioni di CO2 di 234 kg eqCO2/anno per ogni giorno supplementare dello smart-working e un aumento del 52% nel bilancio ambientale.

Lo sapevi?

La riduzione dei beni immobili utilizzati dalle aziende è anche una delle conseguenze dello smart-working.

❌ Quali sono gli effetti negativi dello smart-working sull’ambiente?
Nonostante gli effetti ambientali positivi che non sono trascurabili, lo smart-working causa anche effetti di rimbalzo che hanno un impatto ecologico negativo. Secondo Ademe, ce ne sono tre:

Viaggio alternativo;
L’aumento del consumo energetico delle abitazioni;
Inquinamento digitale.
Altri viaggi aggiuntivi
Anche se, secondo Ademe, il numero di viaggi tra casa e lavoro è diminuito significativamente, c’è un aumento dei viaggi alternativi durante il giorno.

Infatti, secondo uno studio condotto in Francia e nel Regno Unito, il veicolo viene utilizzato più per i viaggi legati ad altre attività. Per esempio, con le scuole ancora aperte, molti genitori fanno ancora il viaggio da e per la scuola ogni mattina e sera. Inoltre, il veicolo viene utilizzato anche per attività di svago.

Così, l’impatto positivo dello smart-working sulla riduzione dei viaggi su strada è notevolmente ridotto da questi viaggi che altrimenti sarebbero stati impossibili.

Questo effetto di rimbalzo porta a un aumento delle emissioni di CO2 di 67,7 kg eqCO2/anno, per un giorno di smart-working alla settimana.

Aumento del consumo interno
Con un maggior numero di ore trascorse in casa, il consumo di energia domestica aumenta significativamente. Secondo diversi studi europei, il consumo giornaliero di energia della casa aumenta del 10% quando si lavora in smart-working , specie in seguito all’attivazione dell’energia.

Durante lo smart-working le principali voci di spesa energetica sono:

Riscaldamento;
Computer;
Elettrodomestici da cucina, ecc.
Tuttavia, è possibile implementare soluzioni all’interno della casa per ridurre il consumo di elettricità e di gas domestico. L’Ademe raccomanda di adottare azioni eco-responsabili che vi permetteranno di controllare meglio il vostro consumo. Questi eco-gesti fanno parte della vita quotidiana come :

Ridurre la temperatura del riscaldamento;
Spegnere gli elettrodomestici piuttosto che lasciarli in standby;
Spegnere le luci nelle stanze vuote;
Usare dispositivi per controllare la quantità di energia utilizzata.

Questi eco-gesti fanno parte della vita quotidiana come :

Ridurre la temperatura del riscaldamento;
Spegnere gli elettrodomestici piuttosto che lasciarli in standby;
Spegnere le luci nelle stanze vuote;
Usare dispositivi per controllare il consumo;
Investire in elettrodomestici ad alta efficienza energetica, ecc.
Alto inquinamento digitale
Il principale impatto negativo dello smart-working sull’ambiente è l’inquinamento digitale generato dalle nostre attività. Molti nel settore delle telecomunicazioni notano una forte crescita nell’uso dei dati da quando le prime misure di contenimento sono state messe in atto nel marzo 2020:

+30% per l’uso fisso di internet;
+30% per l’uso di dati mobili;
+20% per lo streaming.
Così, la quota di emissioni di gas a effetto serra del settore digitale (4%) dovrebbe aumentare significativamente se lo smart-working si diffonde. Tra le attività che richiedono più energia ci sono le videoconferenze. Molto popolare in una situazione di smart-working, è tuttavia responsabile dell’emissione di 2,6 kg di CO2 all’anno. Ciò è dovuto al consumo di energia dei server informatici utilizzati per rendere possibili le videoconferenze.

Non accendere la telecamera riduce il consumo di energia della videoconferenza.
Lo smart-working ha anche portato a un boom nell’acquisto di computer e altre attrezzature per permettere alle persone di lavorare in buone condizioni. Il rovescio della medaglia è la quantità di rifiuti elettronici generati, stimata in oltre 50 milioni di tonnellate all’anno.

Lo sapevi?

Dei 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici generati ogni anno, solo il 17% viene riciclato.

Se i benefici dello smart-working sono innegabili, Ademe vuole mettere in guardia sugli effetti di rimbalzo di questa pratica. L’agenzia sostiene che lo smart-working è necessario per la transizione energetica, ma chiede di continuare gli sforzi per ridurre la nostra impronta di carbonio