SEO 2017, come ti cambio la ricerca sul web

0
987

Per chi ha a che fare con il web ormai l’acronimo SEO ((Search Engine Optimization) è pane quotidiano.

Con SEO, infatti, si fa riferimento fa riferimento alle strategie di posizionamento, all’ottimizzazione per i motori di ricerca, soprattutto Google, ad oggi ancora il motore di ricerca più usato al mondo.

Conoscere i parametri utilizzati da Google vi permetterá di avere il vostro sito o il blog sempre nelle prime posizioni di ricerca, ma dovete stare al passo con i tempi perché i motori di ricerca cambiano spesso i loro fattori di posizionamento.

Ecco perché fare SEO è un’attività piú complicata del previsto. Bisogna capire come funziona un motore di ricerca, quali strategie adottare, come scrivere un buon titolo, una buona descrizione, come aumentare la keyword density, imparare a capire cosa digiterà il lettore

  • Concetti chiave, non piú semplici parole chiave: il giusto concetto semantico avrá la predominanza rispetto alla semplice parola chiave di per se insignificante. Anche perché tra le novità SEO 2017 si tiene conto che una ricerca su 5 avviene in modalità Voice Search e questo fenomeno avvicina sempre più l’interazione online con il parlato, anche a livello di query. Le keywords diventano in qualche modo più complesse, sicuramente più lunghe, prossime al colloquiale e sempre meno schematizzate da tastiera.
  • L’utilizzo delle AMPs, cioè le Accelerated Mobile Pages, un protocollo che permette di creare pagine web con una velocità di caricamento quasi immediata.

  • I featured snippet o “rich answer” o “direct answer”, cioè aver inserito nel testo domande uguali o simili a quelle che l’utente è solito proporre al motore di ricerca, ovviamente con relativa risposta pertinente ed utile.
  • La lunghezza degli articoli, che non dovrá piú essere per forza corta ed incisiva ma potrá essere anche piú lunga purché davvero esauriente.
  • “Show and Tell” ovvero la presenza di immagini. L’algoritmo, che utilizza Google Immagini, sia basato su un decodificatore chiamato Inception V3 ha l’abilità di visualizzare il contenuto di un’immagine con un alto grado di accuratezza e quindi privilegia i siti che accostino le giuste immagini ai testi presentati. Comportamenti di Gooogle che supportano questa idea sono la nuova impostazione grafica di Google: i primi risultati delle ricerche oggi vengono mostrati correlati alla propria foto di presentazione e si puó fare la ricerca inversa delle immagini, e cioè è possibile cercare un’immagine partendo da un file del nostro computer. Diventa, quindi, molto importante che il file grafico sia inerente al contesto perché se non dovesse esserlo Google potrebbe tacciare come sbagliato tutto il contenuto online;
  • Il Crawl Budget, la credibilità: un sito che produce contenuti di buona qualità, pertinenti, esaustivi, è un sito che verrà eletto credibile, uno dei fattori di posizionamento che Google tiene più in considerazione, insieme al network e al personal branbding che cureranno i suoi autori. É raccomandata alta qualità dei contenuti, aggiornamenti costanti delle pagine più rilevanti, risorse esterne autorevoli che contengono link al sito stesso.

  • Il protocollo di sicurezza https per i siti definiti YMYL (Your Money Your Life), cioè che hanno informazioni riguardanti una serie di dati sensibili. Queste specifiche pagine devono provenire da siti web affidabili e il contenuto deve essere creato con un elevato livello di competenza e di autorevolezza. Dall’inizio dell’anno, infatti, Chrome visualizza la dicitura “sicuro” accanto alla URL per certificare all’utente che il sito che si sta navigando sia affidabile.