Microsoft insieme a Fujitsu per la sicurezza dei dispositivi

0
371

In un mondo è possibile sapere tutto di tutti e dove una foto messa on line diventa dominio di chiunque…i dispositivi diventano sempre piú personali grazie alle tecnologie utilizzate per sbolccarli: dal riconoscimento facciale all’impronta digitale fino alla lettura del palmo della mano!
No, non Microsfot non vuole leggere il vostro futuro ma garantire la vostra sicurezza.
Di questi giorni, infatti, è la notizia della partnership tra Microsoft e Fujitsu per la creazione di nuove modalità di autenticazione negli ambienti dei moderni workplace.
Microsoft pare voglia implementare sui suoi dispositivi PalmSecure, la scansione del palmo della mano nei computer con a bordo Windows 10 Pro integrando il sistema di scansione di Fujitsu con Windows Hello.
Lo scopo principale è mettere in sicurezza i dipendenti delle aziende distribuiti in vari luoghi del mondo che lavorano da remoto tramite autenticazione biometrica.

Un sensore sarebbe il responsabile del riconoscimento dei vasi sanguigni analizzando la disposizione delle vene nel palmo della mano dell’utente, si potrá accedere al dispositivo solo in caso di corrispondenza con l’“impronta” memorizzata. Pare proprio che le vene nel palmo della mano sono più difficilmente riproducibili o “rubabili” rispetto ad un’impronta o l’immagine di un volto e persino dell’iride.
Infatti la lettura delle vene del palmo avviene attraverso un apposito scanner, collegabile tramite porta USB o integrato nel PC, in grado di oltrepassare la pelle ed eseguire una sorta di radiografia dei vasi sanguigni e della loro precisa disposizione e conformazione. Poiché le vene sono parti interne dell’utente, affermano i ricercatori di Fujitsu, questo sistema è molto più difficile da violare e per questo garantisce un più elevato livello di sicurezza.
Guarda il video!